Warning: sprintf(): Too few arguments in /home/customer/www/mantontowing.com/public_html/wp-content/plugins/wpseo-local/src/presenters/geo/position-presenter.php on line 38

Inizialmente, questo studio ha compiuto settantasei cnvs che potrebbe spiegare le differenze in BMI.

Variazioni del numero di copia Ricorda l’esperimento del pisello dalla biologia delle scuole superiori?

Due copie di un gene del pisello codificate per le rughe hanno comportato – hai indovinato – piselli rugosi. E due copie di un gene del pisello codificate per la levigatezza risultavano in piselli liscia.

In entrambi i casi, doveva esserci due copie del gene – non più e non meno.

Molto tempo, gli scienziati credevano che c’erano sempre due copie di un gene, e eventuali differenze tra due membri della stessa specie hanno dovuto fare con sottili differenze nel gene stesso.

Potresti avere più di una versione di un gene, innescando molte potenziali differenze. O potresti avere una mutazioni a punto singolo (SNP) dandoti possibilità quasi illimitate per la variazione. Ma non importa cosa, sei stato bloccato con due copie.

Si scopre, c’è di più in questa storia.

Puoi, infatti, avere più di due copie di un gene. Oppure puoi avere meno di due volte.

Si chiama Variazione del numero di copia (CNV).

e le due forme principali di CNVS sono – non sorprendentemente – duplicazione (aggiungendo geni) o Cancellazione (rimozione dei geni.) Invece delle due copie standard di ciascun gene, potresti avere zero copie. O tre copie. O addirittura trenta!

Gli scienziati indovina che fino al 12% del nostro DNA ha CNV. Tu e io (o due due persone casuali) differiscano di almeno l’1% geneticamente – soprattutto a causa del CNV. Anche i gemelli identici possono avere CNV diversi.

CNVS sono stati associati a molte malattie complesse, che vanno dal lupus a Crohn’s. I CNV sono stati collegati anche a resistere all’infezione da HIV.

CNVS può anche darci un indizio alla tolleranza al carb.

l’enzima amilasi

salivary amylase (α- Amilasi) è un enzima nella tua saliva che inizia la digestione dell’amido.

Abbiamo noto su Amilase per molto tempo. (In effetti, il primo articolo scientifico su di esso è stato pubblicato oltre 100 anni fa!)

Il gene che rende Amilase, Amy1, varia nel numero di copia da persona a persona. E i geni Amy1 hanno un’enorme gamma CNV, da due a sedici copie.

Più geni Amy1 significano più salivari Amilasi.

Più salivario amilasi significa che si rompono i carboidrati in modo più efficace.

Non appena si morde quella patata o piantaggine, il tuo Amy1 va al lavoro.

E di nuovo, se hai più geni Amy1, il tuo equipaggio di lavoro di carbir-digestione sarà più grande e più veloce.

Amilasi ed evoluzione

Nel 2007, i ricercatori hanno appreso che le persone che vivono in culture che tradizionalmente hanno mangiato diete di amido elevate avevano più numeri di copia Amy1 e più enzima di amilasi nella loro saliva. < / P>

Le persone che vivono in società storicamente agricole come il Giappone avevano, in media, sette copie di Amy1, mentre le persone vicino al Circolo Artico in luoghi come Yakut, la Russia aveva, in media, quattro copie di Amy1.

(A proposito, gli scimpanzé hanno due copie di Amy1.)

Medio salivary amylase copia numeri da sette regioni. Da Perry et al. (Adattato da Novembre et al.)

Domanda di ricerca

Ciò ha molto senso se ci pensi.

Dopo tutto, se mangi più amido, hai bisogno Più dell’enzima che scoppia l’amido.

Ma cosa succede alle persone che hanno meno copie di Amy1 in un mondo in cui Everybody ha accesso a diete di amido elevata?

Questo è ciò che gli scienziati che hanno eseguito questo studio volevano scoprire.

falchi m, et al. BASSA COPY Numero del gene Amilase salivario predispone all’obesità. Nat genet. 2014 maggio; 46 (5): 492-7.

Metodi

Metodi

I ricercatori hanno confrontato i geni di 149 famiglie svedese (342 svedesi) che includevano fratelli con un indice di massa corporea (BMI) che differiscono di più di 10 kg / m2.

Nel confronto dei fratelli, hanno utilizzato uno studio genetico specifico (studio GENE Centric Associations, GCAS) per cercare CNV associato a variazioni in BMI.

Studi come questa – Genetica della popolazione – Hai bisogno di esaminare un lotto di statistiche per garantire l’affidabilità dei loro risultati.

Inizialmente, questo studio ha presentato settantasei cnvs che potrebbe spiegare le differenze in BMI.

Ma tutto tranne Amy1 si è rivelato falso positivi.

Nel frattempo, ulteriori ricerche coinvolgono argomenti dal Regno Unito, Francia e Singapore confermato solo la connessione AMY1 e BMI.

Ad esempio, hanno guardato il DNA dei fratelli e delle sorelle dalle famiglie inglesi (Twinsuk), uno dei quali era magro e uno che era sovrappeso, per vedere se potevano Trova eventuali differenze in uno qualsiasi dei c NVS che potrebbe spiegare la differenza nell’obesità.

Risultati

Persone che hanno più copie di AMY1 (il gene che rende Amilasi) ha più Amilasi salivari e BMI inferiore.

Se hai più di nove copie di Amy1, allora sei otto volte meno probabilità di essere obesi rispetto a qualcuno che ha meno di quattro copie di Amy1.

in altro Le parole, più amilasi equivalgono a meno peso corporeo. E viceversa.

Ma, prima di iniziare il biasimo Tutto La tendenza ad acquisire peso sulla tua ereditarietà genetica, è importante notare che la gamma BMI totale era solo 2 kg / m2, da 25 a 27.

SO, mentre “Intolleranza al carboidrati” può influenzare la tua tendenza a ingrassare, non è l’unico fattore coinvolto.

conclusione

Questo è Il primo studio per collegare il metabolismo dei carboidrati all’obesità attraverso l’amilasi salivario e il suo gene (Amy1).

I risultati suggeriscono che lì davvero è tale cosa come “tolleranza carb”. < / P>

Le persone con più Amy1 sono fortunate.

Ecco perché:

Si “naturalmente” mangiano meno. Più amilasi significa più digestione dei carboidrati in bocca; Più digestione in bocca significa che gli alimenti possono assaggiare più dolci e sentirsi più ricchi. Di conseguenza, le persone con più amilasi potrebbero sentirsi soddisfatti di mangiare meno.

Forse aiuta anche a spiegare perché mangiare lentamente promuove la perdita di peso (o manutenzione). Più lentamente mangiamo, più digeriamo in bocca. Questo a sua volta potrebbe portare a sentirsi “soddisfatti” con meno cibo.

tollerano meglio il glucosio. Livelli più alti di Amilasi salivari correlati a una risposta insulina pre-assorbente più elevata, e questa è la chiave della tolleranza al glucosio. Le ragioni non sono completamente chiare, ma potrebbe essere perché l’amilasi si rompe i carboidrati in zuccheri a glucosio e a catena corto (oligosaccaridi) che si legano a recettori dolci o recettori oligosaccaridi, segnalando il rilascio dell’insulina.

Tutto è inferiore GI a loro. Le diverse concentrazioni di amilasi risultano essenzialmente in diverse tassi di assorbimento di carboidrati dello stesso cibo, o un indice glicemico diverso per ogni persona che mangia un dato cibo. In altre parole, decine di anni di indice glicemico potrebbero essere state appena sventate da questa nuova scoperta.

Yikes! Come se questo non fosse abbastanza complicato!

Cosa puoi fare?

Mentre tutto questo suona complicato, ci sono alcune soluzioni semplici.

Se, basato su Sulla tua eredità genetica, pensi che tu possa avere meno copie di Amy1 e maggio, di conseguenza, hanno una bassa tolleranza al carboidrati, ci sono alcune cose che puoi fare per assicurarti di rimanere sano e snello.

  1. Mangia lentamente e masticano il tuo cibo a fondo. Potrebbe sembrare semplice. (E questa strategia è troppo spesso trascurata). Ma mangiando lentamente, dai qualsiasi amilasi hai più tempo per abbattere i carboidrati che mangi semplicemente. Questo ti mette nella stessa posizione di qualcuno con più amilasi che mangia più velocemente. Ah ah Ora il gioco cambia, signor Bond!
  2. Usa i probiotici. Gli studi sui topi suggeriscono che l’amilasi inferiore (e l’obesità associata) potrebbe essere correlata a cambiamenti negativi nella microbitata GUT. I probiotici non possono ferire e potrebbero aiutare, quindi anche se non sei un topo, vale la pena provare.
  3. continua a mangiare carboidrati sani. Ciò significa alimenti ad alta fibra, ricchi di nutrienti come fagioli e legumi, trasformati minimamente cereali integrali e frutta colorata e verdure. Le persone con amilasi inferiore possono beneficiare di mangiare leggermente Meno carboidrati rispetto alle persone con alta amilasi, ma il carboidrato super basso non è la risposta.

Dopo tutto, Anche le persone sulla fascia bassa dello spettro di produzione di amilasi fanno ancora più amilasi rispetto agli scimpanzé e quasi tutti gli altri mammiferi.

gli scimpanzé non possono mangiare il pane, ma mangiano frutti ricchi di carboidrati – le banane sono le più ovvie . E non è troppo spesso che vedi uno scimpanzé sovrappeso.

Quindi vai avanti e mangia quella patata dolce.

prova solo ad astenersi dal pugnalare il tuo amico tollerante al carboidrato con una forchetta.

Riferimenti

Fare clic qui per visualizzare le fonti di informazione a cui si fa riferimento in questo articolo.

Almal SH, PADH H. Implicazioni della variazione del numero di copia genica in salute e malattie. J hum genet. 2012 Jan; 57 (1): 6-13.

falchi m, el-sayed moustafa js, takousis p, pesce f, bonnefond A, Andersson-Assarsson JC, Ph del Sudmant, Dorajoo R, Al- Shafai Mn, Bottolo L, Ozdemir E, SO HC, Davies RW, Patrice A, Dent R, Mangino M, Hysi PG, Dechaume A, Huyvaert M, Skinner J, Pigeyre M, Caiazzo R, RAVERDY V, VAILLANT E, Field S , Balkau B,

Marre M, Visvikis-Siest S, Weill J, Poulain-Godefroy O, Jacobson P, Sjostrom L, Hammond CJ, DeLoukas P, Sham PC, McPherson R, Lee J, Tai ES , Sladek R, Carlsson LM, Walley A, Eichler Ee, Pattou F, Spector TD, Froguel P. Low Copy Copy Numero del gene Amilase salivario predispone all’obesità. Nat genet. 2014 maggio; 46 (5): 492-7.

Girirajan S, Campbell CD, Eichler EE. Variazione del numero di copia umana e malattia genetica complessa. Annu Rev Genet. 2011; 45: 203-26.

Mandel Al, Breslin PA. L’elevata attività di Amilasi Amilasi endogena è associata a una migliore omeostasi glicemica seguente dopo l’ingestione di amido negli adulti. J um. 2012 maggio; 142 (5): 853-8

Mandel Al, Peyrot des Gachons C, Plank KL, Alarcon S, Breslin PA. Differenze individuali nel numero harmoniqhealth.com di copia del gene AMY1, i livelli di α-amilasi salivari e la percezione dell’amido orale. Plos uno. 2010 13 ottobre; 5 (10): E13352

Novembre J, Pritchard JK, Coop G. Adaptive Drool nel pool Gene. Nat genet. 2007 ott; 39 (10): 1188-90

Parchi BW, NAM E, Org E, Kostem E, Norheim F, Hui St, Pan C, Civelek M, Rau CD, Bennett BJ, Mehrabian M , Ursell LK, lui A, Castellani LW, Zinker B, Kirby M, Drake Ta, Drevon Ca, Knight R, Gargalovic P, Kirchgessner T, Eskin E, Lusis AJ. Controllo genetico dell’obesità e della composizione della microbitata dell’obesità e della fortuna in risposta alla dieta ad alto contenuto di grassi ad alto saccarosio nei topi. Metab cellulare. 2013 Jan 8; 17 (1): 141-52.

Perry GH, Dominy NJ, artiglio Kg, Lee As, Fiegler H, Redon R, Werner J, Villanea Fa, Mountain Jl, Misre R, Carter NP, Lee C, Stone AC. Dieta e l’evoluzione della variazione del numero di copia del gene dell’amilasi umano. Nat genet. 2007 ott; 39 (10): 1256-60.

santos jl, saus e, smalley sv, cataldo lr, alberti g, parada j, gratacòs m, estivill x. numero di copia polimorfismo del salivario amilasi GENE: implicazioni nella ricerca nutrizionale umana. J nutrigenet nutrigenomics. 2012; 5 (3): 117-31.

Sudmant pH, Kitzman Jo, Antonacci F, Alkan C, Malig M, Tsalenko A, Sampas N, Bruhn L, Shendure J; 1000 Genomes Project, Eichler ee. Diversità della variazione umana di copynumber e geni multicopy. Scienza. 2010 29 ott; 330 (6004): 641-6.

mangia, muoversi e vivere … meglio. ©

Il mondo della salute e del fitness a volte può essere un posto confuso. Ma non deve essere.

Aiutaci a dare il senso di tutto con questo rapporto speciale gratuito.

In esso imparerai il miglior mangiare, esercizio fisico, e strategie di stile di vita – unico e personale – per te.

Clicca qui per scaricare il rapporto speciale, gratuitamente.

“Sarò felice quando mi trovo nei miei vecchi Levi. “

(sono davvero ha fatto rendono il tuo culo sembrare buono.)

Hai mai detto qualcosa del genere?

o come Informazioni:

“Sarò felice quando guadagno un reddito di sei figure.”

“Sarò felice quando mio figlio entra in un buon college.”

“Sarò felice quando incontro la mia persona.

la verità è che la maggior parte di noi ha una convinzione come queste fluttuanti nella nostra psiche. < / P>

Se sei un allenatore, probabilmente hai visto anche questo:

clienti che credono che saranno felici solo quando raggiungono un certo peso, percentuale di grasso corporeo o atletico Achievement.

“Goditi il ​​viaggio? Pfft. È tutto sulla destinazione, “dicono.

Certo, alcuni entusiasmo di attraversare il traguardo è normale, e totalmente bene.

E hey, avere gli obiettivi è fantastico.

Gli obiettivi ti danno un senso di scopo e direzione e ti incoraggiano a crescere oltre le tue precedenti capacità in una versione più saggia e migliore di te stesso. Inoltre, la ricerca mostra che l’impostazione dell’obiettivo è un segno di fiducia, impegno, autonomia e motivazione.1,2

Il problema è che alcune persone stanno perpetuamente ritardano la loro felicità pensando una vita migliore è sempre solo all’orizzonte.

Ma in questo articolo discuteremo questo fatto controintuitivo:

raggiungere un obiettivo non ti renderà sempre felice.

In effetti, concentrarsi troppo sul risultato dei tuoi obiettivi può farti perdere il potenziale che hai per la felicità in questo momento.

Se pensi che potrebbe essere tu (o un cliente), controlla il processo rapido in tre fasi qui sotto.

Questo esercizio rapido avvantaggia chiunque si senta:

  • come la loro vita è in attesa fino a loro ha raggiunto il loro obiettivo
  • come il loro obiettivo sta rendendoli miserabili
  • preoccupati il ​​loro obiettivo potrebbe non essere sostenibile, o addirittura possibile

suono familiare ? Leggi su.

oltre 150.000 salute e amplificatore; Professionisti del fitness certificati

Risparmia fino al 30% sul Programma di educazione nutrizionale del settore

Ottieni una comprensione più profonda della nutrizione, l’autorità per allenarsi e la capacità di trasformare quella conoscenza in una fiorente pratica di coaching .

Goditi i tuoi obiettivi (e la vita) di più, in 3 gradini.

Questi passaggi sono un mix di lavoro “Thinky”, per portare consapevolezza alle credenze e ai comportamenti e ” Facendo un lavoro. (Suggerimento: è il facendo che cambierà effettivamente quelle convinzioni e comportamenti limitanti.)

Thinky-Brain e Doing Body, Attiva!

Step 1 : Scopri qual è il tuo “sarò felice quando …” le credenze sono.

Afferra un rottame di carta e brainstorm tutto il tuo “Sarò felice quando …” credenze.

Potresti avere molti.

Ad esempio:

“Sarò felice quando …

  • … Ho ABS visibile.”
  • … mi trasferisco in una casa più grande. “
  • … I finisco i primi cinque nel mio prossimo triathlon.”

Tutto va.

Una volta effettuato un dump del cervello corretto, scegli uno dalla lista per concentrarsi su-preferibilmente quello che si sente più importante e urgente.

(Se ti stai godendo questo articolo e vuoi di più Utile nutrizione, salute e consigli di coaching: consegnati direttamente alla tua casella di inserimento in arrivo per la nostra newsletter settimanale gratuito, l’allenatore più intelligente nella stanza.)

Step 2: Scopri come ti stai trattenendo .

Ora è il momento di fare un piccolo scavo.

Considera:

Quali sono tutte le cose che stai aspettando di fare o sentire fino a raggiungere il tuo obiettivo?

Queste non sono solo le cose per cui sei eccitato, ma quelle che non stai “permettendo “Sei ancora ad esempio.

Ad esempio:” Una volta ho 20 libbre più leggero, lo farò …

  • … lasciami indossare i vestiti che mi piace. ”
  • … Inizia di nuovo dating. “

o:” Una volta che sto facendo sei figure, io …

  • … Senti un successo. “
  • … Inizia a prendere fineno weekend off.”

o: “Una volta che incontro la mia anima gemella, io …

  • … finalmente sentiti fiducioso. “
  • … Vai su una crociera mediterranea.”

È probabile che siano, verrà visualizzata una gamma di cose- Alcuni banale e alcuni molto significativi, che non ti stai permettendo di sperimentare. Probabilmente a causa di una convinzione che non meriti di fare o sentire quelle cose finché non sei “migliore”.

Beh, abbiamo una sorpresa per te …

passo 3: Smetti di aspettare, e vivi.

Una volta che ti rendi conto che ti stai trattenendo da sentirti bene, e facendo tutte queste cose fresche e significative, potrebbe spiegare perché sei stato così impaziente A solo arrivarci già.

Potrebbe anche spiegare perché forse non hai goderti il ​​processo processo di arrivare al tuo obiettivo.

Da qualche parte all’interno, c’è una parte di te che crede che la tua vita non può davvero iniziare fino a raggiungere il tuo obiettivo. E che non sei “supposto” ad avere cose buone a te finché non sei più magro, più veloce, più forte o più successo.